giovedì 2 marzo 2023

COMING OUT QUARESIMALE: EBBENE Sì, SONO UN ARTISTA EMERGENTE!!!

Ebbene ho deciso ( o meglio è la situazione che ha deciso me, come sempre accade più o meno consciamente) di rompere questo silenzio quaresimale agghiacciante, perdendo punti-ego nella mia personale classifica di bravo bambino duro e puro 2023, scendendo a patti col mondo delle forme (preferibilmente pienotte) e delle questioni quotidiane “di bassa lega” chiedendovi non troppo umilmente un piccolo favore. 
 
Magari mi riterrete uno sfigato (cosa che io faccio più o meno quotidianamente con me stesso, ma poi mi lascio intenerire...) che a 40 anni sta ancor lì a correr dietro a certe cose, ma non è detto che non siano certe cose a correr dietro a me.
 Ebbene sì nonostante la veneranda età sono ancora (per la massa informe) un “artista emergente” (sull'emarginato non ho mai avuto dubbi, ora sto imparando anche ad accettare sta cosa dell'emergente anche perché a forza di credermi un veterano sono rimasto invischiato nell'underground più assoluto, non che sia poi così male ma sai a volte nella vita è bene ampliare il proprio raggio d'azione, evitando altresì considerazioni affrettate sul proprio presunto fallimento quando ancora non ci si è giocati tutte le carte a disposizione...) quindi da buon artista emergente (mi ci sto già affezionando, anche perché quella di artista "arrivato" dev'essere una condizione pallosissima anche perché arrivato dove?) sono qui ad elemosinarvi un banalissimo voto. 
 
Il bello è che ho dichiarato più volte pubbicamente (per un artista emergente pubblicamente significa davanti a due o tre amici perlopiù ubriachi) di non voler partecipare più a concorsi musicali perché sono roba da sfigati! Ebbene sì, ora che ho ammesso di essere uno sfigato, come disse la Vergine Maria:”ECCOMI!!!”. 
 
Ho ceduto alla tentazione, ho mangiato la mela e niente alla fine mi sono iscritto (per la non so che volta...) al Premio Fred Buscaglione (forse ho ceduto proprio a causa della mia profonda venerazione per questo grande artista dei tempi che furono).

Questo premio (che non ricordo bene in cosa consista il premio vero e proprio ma se dovessi vincere un caffè ve lo offro a tutti) ha tra i vari criteri di selezione il voto del pubblico da casa (ma tranquilli che potete votare anche se siete al bar...).

Probabilmente non vincerò (essendo cresciuto di fede interista non sono particolarmente atto alla vittoria) ma magari potrei (potremmo) regalare un pochino di visibilità in più per le mie (e vostre, perché se vi piacciono sono anche vostre) canzoni.

Se lo fate non fatelo per me ma fatelo per la musica che si esprime attraverso di me.

Non fatelo per pietà, fatelo per Amore. Se non c'è Amore preferisco che non votiate o che al limite votiate per qualcun altro che vi piace di più (o vi offre qualcosa di più del caffè).

Oppure fatelo per il caffè.

Ve lo offro anche se non vinco, ho deciso. Se dovessi rimangiarmi queste parole portatemi questa pagina stampata come prova schiacciante e vi pagherò anche l'ammazza-caffè.

Ecco il link da cliccare per accedere alla pagina da cui potete votarmi, in alto c'è un rettangolino blu col cuoricino con scritto “vota”. Cliccateci sopra, inserite il vostro indirizzo e-mail (ebbene sì... c'è sempre un piccolo prezzo da pagare ma ricordatevi del caffè ;) ), dopodiché per confermare accedete alla vostra casella e-mail e confermate il voto. So che non è semplicissimo, comunque se perderete un minuto della vostra vita per questo piccolo gesto ve ne sarò infinitamente grato (come pure se non lo fate, vi sono infinitamente grato in ogni caso per esserci, ma questo è un altro discorso...):


https://www.sottoilcielodifred.it/artisti/carlo-kamal-bonomelli/


Grazie infinite!!!

 

Carlo

 

PS Ci vediamo giovedì 23 marzo, ore 20 al Big Bang cafè di Berzo Demo (BS) (Loc.Saletto) presentazione del libro "7 settimane" di Eros Empatic e a seguire concerto del sottoscritto,

martedì 7 febbraio 2023

MESSAGGIO ALL'UMANITà PER IL 2023 DALLA CONFRATERNITA MEGAGALATTICA INTERSPAZIALE DI STAMINCHIA canalizzato dalla mia tartarughina Bortola

Piacere sono il fallimento e nell'anno domini 2023 sono sempre più contento, in forma smagliante vivo sulle palle di chi mi venera senz'amore per la propria vita incolore e apparentemente pure indolore. 


Sono immenso, dolce e comodo, puzzolente di alito di vecchio morto di noia.

Mi prendo cura con dedizione di chi si crede superiore per un attimo e poi striscia per millenni e così avanti all'infinito, finché qualcuno non si prenderà la briga di sradicarmi innanzitutto coltivandomi consapevolmente fino alla nausea.

Non sono nemmeno così viscerale, ho successo perché sono comune, popolare, comprensibile, letale, paraculo, accomodante, senz'apparente orgoglio, quasi come come un certo signor Bergoglio...

Se ti pieghi al mio volere non avrai sensi di colpa morali, se però ti rendi conto di abitarci ne avrai di enormi ed immorali che ti divoreranno senza tanti complimenti.

Sono il fallimento che sottende la morte dell'ego (di quel deficiente), che prepara il terreno ai culti di domani qualunque essi possano essere.

Sono il fallimento necessario delle pulsioni infantili e delle perversioni adolescenziali.

Sono la morte dei sogni di ieri, sono il buio nero senza più misteri, almeno per ora...

Sono la tua malora!

Se non mi guardi e mi accarezzi ti divoro, se mi rifuggi sarai morto come loro.

Se mi vuoi conquistare devi fottermi, farmi all'amore, possedermi fino in fondo senza alcun pudore.

Se non fallisci del tutto sarai mezzo distrutto e lo sarai per millenni, se non ti abbassi a vedermi...

Prendimi atto e portami con te, come fossi il tuo gatto (e tu il matto).

Sono la tua croce insindacabile, portami sul tuo Golgota ed inchiodati, abbandonati alla volontà di chi ha deciso veramente di accompagnarti in questo gioco di ruolo per ridicole scimmie pensanti.

Se non lo fai ora poi mi rimpiangerai, quando me ne sarò andato a prestare servizio a chi è pronto per accogliermi come si deve, perché si deve, qui non si sceglie, se si vuol essere, qui non si vuole, si è ma forse non lo si sa neppure (lo sanno gli altri e noi sappiamo di loro-stop-).

Sono il fallimento di una vita o di infinite, il fallimento che ti ama immensamente. Se solo tu ti accorgessi di quanto ti amo forse mi consumeresti e partiresti per la prossima stazione immediatamente.

Peccato che te ne stai lì impalato correndo dietro a sogni che non sono (più) tuoi, non lo sono mai stati ma prima pensavi... ora lo sai ma fai finta di nulla (anche perché non è più il tempo di pensare), piuttosto che buttarti a capofitto nella vita sei sempre lì ad accarezzare la morte come ti hanno insegnato... che bravo bambino!

Mi sto rompendo i coglioni di starti addosso! Se non ti svegli appena posso ti devasto! E stavolta non scherzo! Dopo un po' i film di zombi annoiano. C'è un limite a tutto.

Con Amore.


Il (tuo) fallimento.

 

PS  i "3 giorni di buio" sai dove te li puoi ficcare?

PPSS oltre all'agente Fallimento, anche il resto dell'equipaggio ti saluta e ti ringrazia dell'attenzione. A te e a tutti i tuoi fratelli primati.

 

Trascrizione di qualcuno a caso.