martedì 7 gennaio 2020

2020. PIù OLTRE NON OSO ANDARE, MI SPIACE.

Ecco passata (finalmente? Sicuro?) questa carovana di Sante Lucie, Babbi Natali, Spumanti, Panettoni, Pandori, Pizzoccheri, Befane, Badalischi e chi più ne ha più ne metta. Epifania tutte le feste ti porti via. Psichedelia tutte le teste ti porti via. Tutto vero. Siate lodate entrambe (a intermittenza). Fatto sta che queste “vacanze natalizie” sono state per me un vero e proprio terremoto emotivo. Se adesso ripenso a quell'individuo (un po' meno) spaesato che a inizio dicembre si accingeva a partire per Lugano per sentire la sua cantautrice preferita (Sophie Hunger) dal vivo non credo di riconoscerlo, a parte qualche scintilla qua e là. Da lì in poi è stato un vero e proprio turbine di emozioni a tratti estatiche, a tratti apocalittiche, a tratti varie ed eventuali. Il tutto ha poi raggiunto livelli impensabili tra la fine del 2019 e i primi giorni del 2020, grazie a una festa di Capodanno (la prima organizzata dal sottoscritto in tutta la sua vita) durata ben 4 giorni (con diversi richiamini anche nelle serate successive) tra mangiate, bevute, risate, pianti, interminabili jam session, giochi di società, laboratori artistici, letture di tarocchi, filosofeggiamenti, dibattiti, progetti (tipo creare una comune che poi a un certo punto possa diventare un nuovo cantone svizzero), astrologia, numerologia, bismatinologia, cucù ma soprattutto varie ed eventuali. Una festa da me concepita come “rituale di guarigione collettiva”, mi auguro con tutto il cuore che abbia funzionato... probabilmente sì e comunque il processo è ancora in corso e continuerà nei prossimi giorni, settimane, mesi, anni, secoli e millenni (più oltre non oso andare, mi spiace).

Tornando alla “realtà”, durante questo “ritiro spirituale” sono nati diversi progetti artistico-musicali, tra cui una sorta di “Dream (o Dreama) team” (composto da Kamal, Diego Drama, Mark Artofsool e il Re Tarantola) che si esibirà a titolo sperimentale in data 18 gennaio al Garage live Pub di Berzo Demo (BS) proponendo un repertorio misto e a tratti mistico. Oltre a ciò sono nate tante altre cose non solo progetti artistici, ma anche idee, utopie e pure qui direi varie ed eventuali. Figli no per il momento, chissà che magari nelle prossime edizioni...

Poi potrete sentire Kamal (questa volta da solo, dividendo il palco con Il Vuoto Elettrico e Ramus) al Circolo Testa di Volpe di Provaglio d'Iseo (BS) in data 25 gennaio. Più oltre non oso andare, mi spiace.

Ora vi saluto, a presto e un saluto speciale a le Tre Mirele che sono diventate già la mia band preferita.

PS Saluto anche il nostro amico Cucù, vero protagonista del Capodanno 2020. Chi ha orecchie per intendere intenda. Invidio un po' (a intermittenza) chi non dovesse intendere perché  probabilmente ha una sanità mentale non indifferente. Più oltre non oso andare, mi spiace.


Nessun commento:

Posta un commento