mercoledì 23 dicembre 2020

LO STREAMING NON FA PER ME, PERÒ ...

Si avvicina imperterrito il Natale e non ho più voglia di spararvi i soliti pipponi sul fatto che si mangia (e beve) troppo ma soprattutto che ci si rompe infinitamente i coglioni perché non è detto che debba essere per forza sempre così.

Mi limito a segnalarvi un evento che, seppur interessante, non si propone di sostituire il leggendario e ormai tradizionale “Concertone Natalizio Kamal & friends” al Bar la Fuente di Bienno che non avverrà per motivi di ordine pubblico (così si dice) ma forse pure perché mi sono rotto di suonare “il cafè de la Pepìna” e questa pausa è necessaria affinché ve ne dimentichiate (tranquille/i, i nostri esperti stanno preparando degli appositi vaccini), cosicchè possa iniziare nel 2021 a introdurre un nuovo repertorio più in linea con le nuove normative sul “politically correct”.

Ma torniamo all'evento che sto per segnalarvi. Proprio la scorsa settimana dichiarai in un'intervista “lo streaming non fa per me” e in molte altre occasioni lo dissi. Poi poco importa se ogni 2 settimane leggo i tarocchi online su Mesbet TV (eccovi un recente esempio https://youtu.be/LYV3_PDMOOQ ), anche perché la mia dichiarazione era riferita all'ambiente musicale e al mio burattino con le sembianze di cantautore, non a quello con le sembianze di cartomante. Ne ho anche diversi altri, ognuno dei quali ha le sue personali opinioni riguardo allo streaming (anzi direi che alcuni di loro, i più fichi, non ne hanno proprio). Quello che scrive blog è abbastanza imparziale su queste cose. 

Per cui vi fa semplicemente notare che questa sera, 23 dicembre 2020, alle ore 21:15 sul canale youtube (e sulla pagina facebook) di Concerti dal divano (ecco il link:https://m.youtube.com/watch?v=vVSymvjEJCA ci sarà una puntata speciale a tema natalizio con vari artisti sia italiani che forestieri (alcuni dei quali compagni di tour in Bulgaria, Lettonia e Romania del sottoscritto) ognuno dei quali canterà una canzone di Natale. Non sarò in diretta ma ci sarò con una piccola canzoncina tra le innumerevoli del mio celeberrimo repertorio natalizio (che qui https://kamalikus.bandcamp.com/album/canzoni-di-natale-2 potete ascoltare e/o scaricare a manetta). Anche se magari io in quel momento starò bevendo una bella batida de coco brulè al chiosco “de las bocas abiertas” presso Playa de la Mantelera, in provincia di Prestine. Se vi va di partecipare all'evento, comodamente dal vostro cesso di casa (sia nel caso che si tratti della toilette che nel caso che viviate in una casa brutt... ohps mi sa che l'ho già fatta questa battuta e voi non avete ancora fatto il vaccino...Pardon!).

Detto questo, invece di intimarvi di non mangiare troppo a Natale o di non fare esplodere i mini ciccioli se no il mio cane si fa la cacca addosso (son cazzi vostri, potete anche uscire senza mascherina, vaccino e mutande in pieno inverno e limonare lebbrosi come se non ci fosse un domani, non sarò certo io a dirvi ciò che dovete o non dovete fare, c'è già chi è più competente di me in materia e avrà tutto il diritto e il dovere di continuare a farlo finché ci sarà qualcuno disposto ad ascoltare a bocca aperta e lingua penzolante esattamente come un cane ascolta il proprio padrone che tra le varie cose magari gli/le ha pure fatto asportare i testicoli o le ovaie per renderlo più docile e "coccoloso" e magari pure più "Gender fluid friendly") vi saluto con i link delle innumerevoli interviste che mi sono state fatte la settimana scorsa a seguito dell'uscita de La ballata dell'ammalato (per chi non l'avesse ancora ascoltata/vista ecco il link: https://www.youtube.com/watch?v=6aXJjzp9cw4 ) e con qualche piccola frase particolarmente significante (così si dice) tratta dalle suddette interviste (venendo incontro alla pigrizia di chi, giustamente, non ha voglia di leggersele per intero):


1)http://musicreviews2p0.altervista.org/aspettando-lalbum-nel-2021-intervista-a-carlo-kamal-bonomelli/


...era da tantissimo che non scrivevo più niente, a parte qualche stronzata sui social...” , “...ho in mente un album vero e proprio per l’anno 2021 perché le cose da dire sono tante e i tempi stringono...”


2)https://ascoltalamusica.wordpress.com/2020/12/14/lo-streaming-non-fa-proprio-per-me-intervista-a-carlo-kamal-bonomelli/


...se mi dovessero invitare (e pagare bene) magari potrei in situazioni “di emergenza” parteciparvi come “giudice” ma spero di non averne bisogno...” (parlando di talent show)


...ho in progetto un nuovo album per l’anno 2021 (non so ancora per quando esattamente ma procedo senza fretta). Si intitolerà Canzoni d’Amore e d’Alchimia...”


3)https://musicablog24.wordpress.com/2020/12/14/mi-ispiro-a-dio-intervista-al-cantautore-carlo-kamal-bonomelli/


...voglio raccontare una storia la cui morale è una sorta di “trattato psicosomatico” ovvero un invito a vedere (anche solo per un attimo) la malattia come un fattore evolutivo (e non come un nemico da combattere)...”


...Meglio sbattersene di volere diventare divi della Tv o della radio (e pure del web) e puntare dritto al cuore della gente...”


...Credo che l’Arte sia una continuazione della creazione divina, quindi l’ispirazione non può essere che divina...”


...canzoni scritte ma accantonate in un angolo per vergogna...”


4)http://www.radiophonica.com/musicpress/il-mio-nuovo-singolo-non-ne-poteva-pi-di-stare-chiuso-casa-intervista-al-cantautore-carlo


...quando a 15 anni ascoltai “casualmente” Lust for life di Iggy Pop (nella colonna sonora di Trainspotting) per la prima volta iniziai a fantasticare sul fatto di iniziare a suonare. Mi immaginavo batterista ma a casa avevo solo una chitarra classica...”


...non sono mai diventato un gran chitarrista e credo di suonare la chitarra come uno strumento a percussione...”


...Vada come vada. So di aver fatto ciò che dovevo fare e ciò mi basta per continuare a testa alta sul mio sentiero. Se cercassi l'approvazione farei tutt'altro. Punto a smuovere le coscienze e mi assumo tutte le responsabilità...”


...c'è molta autobiografia come pure una forte satira sociale che mi auguro non venga percepita come un insulto ma bensì come un invito all'evoluzione...”


5)https://www.soundcontest.com/tutto-e-possibile-basta-volerlo-intervista-al-cantautore-carlo-kamal-bonomelli/


...C’è troppo conformismo per i miei gusti (non solo nella musica e non solo in Italia…). La classica scena “indie” con tutti i suoi clichè tardoadolescenziali la trovo terribilmente noiosa e deprimente...”


...tutto è possibile, basta volerlo. Il problema è che chi lo vuole veramente? Cè tanta gente che suona perché è cresciuta coi miti del rock d’oltreoceano e sogna una vita da rockstar piena di vizi, stravizi e assenza assoluta di responsabilità se non quella di urlare quattro cazzate da ubriaco su un palco e drogarsi per scrivere cose più poetiche...”


...I mezzi a disposizione per prosperare ci sono eccome. Se ne possono anche inventare di nuovi. Ci vogliono impegno e dedizione, a anche e soprattutto una direzione. Senza direzione non si va da nessuna parte, soprattutto nel 2020/21...”


...Tra quelli più “storici” citerei invece Rino Gaetano perché è grazie alle sue splendide canzoni che ho lasciato gli abiti di “rocker maledetto” per arrivare alla musica che sto facendo ora, decisamente più in linea con la mia anima...”


...mi auguro di fare un bel tour per presentare il nuovo disco (volante) in tutto l’Universo attualmente conosciuto e magari anche oltre…”


Detto questo ho detto tutto. Passo e Chiudo!


BUONE FESTE a voi e alle vostre famiglie!!!


Carlo


PS Ricondivido il celeberrimo Babbo Natale svizzero nonostante mi sia pressochè passata la svizzerite ma a voi no quindi mi serve a scopi di manipolaz.... ehm scusate... di marketing!


 

domenica 13 dicembre 2020

SANTA LUCIA E IL VIDEO PIù FICO CHE CI SIA

È arrivata Santa Lucia (puntuale come un orologio svizzero)!!! Al posto del solito carbone e delle solite bombe di veleno appiccicoso denominate dolciumi ha portato in dono all'Umanità il nuovo video musicale del cantautore più gettonato (a suo dire...) dell'arco alpino...

Con la partecipazione straordinaria di Biis Matino, Fikalān-Guydà e alcuni esseri umani assortiti.

Prendete, guardatene e ascoltatene tutte/i. Se potete fatene tesoro, se no fatene a meno. Amen.

BUONA VISIONE!!!


https://youtu.be/6aXJjzp9cw4 

Ogni riferimento a fatti (e strafatti) realmente accaduti e/o accadenti è sacrosanto.

 

Letto (è quasi ora di andarci in effetti...), firmato e sottoscritto. 

L'asinello di Santa Lucia.


PS Se non dovesse funzionare il link Youtube provate con questo:

http://www.brighteon.com/6ac52023-8244-4768-a9d8-c4f2125835fb 

  

PPSS Oltre al video trovate anche la canzone su bandcamp, potete ascoltarla in streaming o, se avete il cuore abbastanza grande, scaricarla al prezzo irrisorio di 1 euro. Oppure per l'altrettanto irrisorio prezzo d 3 euro potrete scaricare tutto l' “album” (anche se in realtà trattasi di un singolo con ben 4 bonus tracks) composto dal suddetto singolone autunno-inverno, un pezzo che magari avrete già sentito ma non figura attualmente in nessun disco, uno che forse avrete già sentito ma non sicuramente con questo arrangiamento, uno supermegainedito scritto qualche anno fa ma mai suonato dal vivo per vergogna e infine una chicca assoluta ovvero un pezzo del 2009 che solo i fans di vecchia data ricorderanno, caduto completamente nel dimenticatoio nell'ultimo decennio e assolutamente irreperibile online. Comunque sia terribilmente attuale. Provare per credere!!!

 https://kamalikus.bandcamp.com/album/la-ballata-dellammalato

Tutti gli incassi saranno devoluti in beneficienza per costruire il futuro dell'Umanità e/o per andare in vacanza a Viserbella.

lunedì 7 dicembre 2020

ISERNIA CAPITALE

 Buonasera fanciulle e marmocchietti varii, avete fatto gli esercizi? Quali esercizi signor maestro? Quelli per la corretta fruizione del video musicale de “La ballata dell'ammalato” in uscita il 13 dicembre 2020 sul canale youtube del cantautore Carlo Kamal Bonomelli che un recente sondaggio ha rivelato essere l'uomo più desiderato della Provincia di Isernia pur non essendoci mi stato e non essendo nemmeno certo dell'esistenza di tale Provincia. E pure se non esistesse... A qualcuno fregherebbe qualcosa? A me non credo proprio, però non mi turba nemmeno la sua esistenza, quindi va bene così.

In realtà non voglio sapere se avete fatto (o state facendo) o meno l'esercizietto stupidino che vi avevo dato. Anche perché a me non cambia assolutamente nulla (o forse sì ma al momento non ne sono conscio). Era solo per intingere un pochino il dito nella piaga perché è (quasi) sempre bello infilare qualcosa da qualche parte anche se normalmente preferisco infilare qualcos'altro in un altro tipo di cavità, bella umida e calda, ma quella è un'altra storia su cui c'è poco da dire ma c'è tanto da fare. 

Fatto sta che manca meno di una settimana al “grande evento” che potrebbe rivoluzionare le sorti dell'intera Umanità, come pure, molto più probabilmente, passare pressoché inosservato. E va bene così. A volte anche il solo fatto che non si verifichi una lapidazione o una crocifissione in sala mensa è già di per sé un bel traguardo e per questo sarò pronto a ringraziare la Divina Provvidenza per aver fatto sì che venissero proibiti gli assembramenti di comuni mortali. Mi auguro di avere la forza e la lucidità di ringraziarla in egual misura anche nel caso in cui accada l'esatto opposto. Certo che quando mi ci metto d'impegno so tirarmela veramente all'inverosimile...

Nel frattempo, giusto per tirarmela ancora un po', come forse avrete già avuto modo di constatare e come molto probabilmente avrete avuto modo di sbattervene le balle in maniera colossale (lo spero, almeno) sono finito su Tele Boario. Per chi non avesse ancora visto l'intervista, da oggi si può trovare anche sul mio canale youtube, eccola:

                               


 https://www.youtube.com/watch?v=JGMoNZ8psBU

 

Detto questo non c'è nient'altro da aggiungere (almeno da parte mia).


Ci risentiamo il 13, se non mi ammazzate prima (comunque il video verrà pubblicato in ogni caso dato che è già in programmazione sia su Youtube che su Brighteon...) ma so che non lo farete anche perché le streghe di Isernia sono particolarmente famose per la loro spietatezza... Quindi va bene così.

Buona settimana e tante belle cose!!!


Carlo


PS Adesso vado a cercare sulla cartina dove si trova esattamente sta Isernia...

venerdì 13 novembre 2020

COMPITI DELLE "VACANZE"

 


Tra un mese esatto, se tutto va come deve andare (e tutto andrà come deve andare, comunque vada, come sempre) uscirà il mio nuovo singolo (sui vari store digitali e il videoclip su Youtube e in contemporanea su Brighteon per fronteggiare eventuali censure e/o inquisizioni), di cui vi anticipo qui sopra la copertina, così per iniziare a stimolare un po' la vostra curiosità. Vorrei altresì darvi un piccolo esercizio che se fatto con regolarità e dedizione favorirà la fruizione del suddetto video da parte vostra, nostra, loro. Ovviamente non è obbligatorio, potrete vedere ugualmente il video e/o ascoltare la canzone tutte le volte che vorrete anche se non avrete fatto “i compiti a casa”. Se vi va, prendetelo come un gioco perché in effetti di ciò si tratta (come un po' tutto, sotto sotto).

L'esercizio va fatto per almeno 21 giorni consecutivi, se possibile alla stessa ora o comunque indicativamente nello stesso momento della giornata. È molto semplice: basta prendersi una decina di minuti di tranquillità e solitudine. Potete sedervi, sdraiarvi o mettervi in una posizione che trovate comoda. Chiudete gli occhi e iniziate ad immaginare che non avete nessun controllo (per lo meno la parte di voi che già conoscete non ne ha) della vita che state vivendo perché è tutto già scritto sul libro del Destino, sia ciò che accade dentro di voi che ciò che accade fuori. Tutto ciò che fate è già scritto. Tutto ciò che pensate è già scritto. Tutto ciò che accade nel mondo è già scritto. Tutto ciò che potete fare (per il momento) è assistere a questo grande spettacolo. I vostri sensi sono degli spettatori seduti sugli spalti di un teatro che è il vostro corpo. Sul palcoscenico accadono cose su cui voi non avete alcun controllo. Potete solo godervi lo spettacolo, preferibilmente senza giudicare (anche perchè non servirebbe a niente se non a farvi stare più male ah!ah!ah!ah!ah!ah!ah!). Tutto qui. Non vi chiedo di crederci, vi chiedo solo di provare ad immaginare e sentire le “vertigini” (o le non vertigini, va bene tutto, quello che arriva arriva e se non arriva niente va bene pure quello) che ciò vi provoca. Come già accennato bastano 10 minuti. Se poi volete starci di più e vedere anche lo spettacolo successivo sono affari vostri. Per intensificare l'esperienza vi suggerisco di tenere anche un piccolo diario (bastano pochissime parole, che comunque non leggerà nessun altro che voi) sull'esperienza appena vissuta “in teatro”. Se qualcosa non vi è chiaro e avete delle domande a riguardo vi invito a contattarmi privatamente all'indirizzo e-mail kamalikus@gmail.com

 

Non serve decantare la propria esperienza ai 4 venti, anche perché fondamentalmente non gliene fregherebbe nulla a nessuno e poi non verrà devoluto alcun premio (o meglio, quello verrà devoluto né più né meno). Non esistono “sconti sulla pena”, non sono ammessi nè se, né ma, le regole del gioco sono queste. Non mi interessa se siete di destra o di sinistra, negazionisti, cospirazionisti, vaccinisti, no-vax, no-tav, antifa, nazipunk, terrapiattisti, terrasferisti, democratici, repubblicani, eterosessuali, omosessuali, bisessuali, trisessuali, quadrisessuali, nordafricani, sudcoreani, slovacchi, ciechi, sordi, svizzeri, afro-ungarici, atei, religiosi, (di)agnostici, buddisti, nudisti, calvinisti, sionisti, fan di Nino D'Angelo e via dicendo... Se volete giocare giocate, se no fate a meno. Non c'è nemmeno un giudice a valutarvi (almeno apparentemente, per il momento...).


Con questo ho detto tutto. In bocca al lupo e viva il lupo! Passo e chiudo!

 

il Maestro Kamalli

lunedì 9 novembre 2020

SIAMO TUTTI OCCIDENTALI REVIVAL

 

Quest'anno è molto strano, oltreché fantastico. 
 
Ogni volta che penso “dov'ero l'anno scorso in questo periodo?” ero sempre da qualche parte. 
 
Ad esempio in questo periodo ero in Transilvania, tra concerti, boschi, castelli, chiese e cimiteri. Quest'anno sono più o meno sempre qui (“Ma qui dove?” mi chiederete voi, o magari no e vi ringrazio molto per la domanda, o magari no) tra boschi, chiese, cimiteri e manicomi più o meno a cielo aperto. Una figata assoluta.
Non serve più nemmeno spostarsi, è tutto qui a portata di mano!!! 
 
Comunque sia proprio dal passato, proprio ieri (quindi si parla di passato nel passato... e si torna alla mia teoria della scimmia dei Coco Pops che chi mi conosce bene sa di cosa sto parlando e chi non lo sa me lo può chiedere in privato oppure provare ad immaginarselo come meglio crede tanto a me non cambia nulla...) è “tornata a visitarmi” (e poi ditemi che non è possibile viaggiare nel tempo...) una canzonetta che scrissi nel lontano 2007 (anzi forse era addirittura la fine del 2006...) agli albori della mia carriera musicale solista. 
 
L'ho trovata squisitamente attuale (forse addirittura quando la scrissi, come spesso accadde e accade, non l'avevo nemmeno capita così bene, anche se sono sempre pronto a ricredermi sul fatto di averla capita ora nel caso la mia consapevolezza aumentasse ulteriormente in maniera esponenziale ed è appunto ciò su cui sto lavorando assiduamente da anni) nonché, come quasi tutte le mie canzoni più datate, estremamente prolissa, musicalmente complicata e politicamente molto scorretta (per gli standard attuali soprattutto, ai tempi l'inquisizione in quel senso era decisamente meno spietata e, anzi, se non ero politicamente scorretto non mi cagava nessuno, poi ho dovuto "smussare" un po' gli angoli più acuti per poter scalare le classifiche ma dato che non ho scalato un bel niente anche perché soffro di vertigini ora torno a sbattermene le balle nonostante i tempi siano parecchio bui per questo tipo di pratiche), in parole povere una martellata nei coglioni.
 
Non essendo ai tempi (tendo a precisare che la suddetta canzone la suonai dal vivo solamente fino a una decina di anni fa, non oltre) in voga insulti del tipo “sovranista” o “complottista” me la cavavo perlopiù con i classici “omofobo”, “xenofobo”, “sessista”(da abbinare pure a“droghista” e “rocchenrollista”) o che ne so, “comunista” o “no-global”. Alla peggio il gran classico “fascio” che non tramonta mai. Se non me lo dicevano gli altri me lo dicevo da solo, come faccio tutt'ora. Magari va bene anche un generico “picio” o "boca daèrta" che ha meno implicazioni socio-politiche. 
 
Comunque sia, polemiche autogenerate a parte, avendo perso (era sulla mia storica pagina https://myspace.com/kamalenamoraodelavida ma è misteriosamente scomparso nel nulla assieme a tantissimi dati di myspace...) il video in cui suonavo appunto questa canzone in concerto al Baretto dl Parco Dosso di Bienno nella leggendaria estate del 2009 (quando ero contemporaneamente barista, menestrello nonché Presidente illustrissimo dell'Associazione LiberaMente Camuni e devoto praticante dei culti ancestrali legati al Sacro torrente Grigna) ho dovuto, mio malgrado, per farvi accedere al pezzo in questione, risuonarlo e ricantarlo tristemente chiuso in casa come fanno i cantautori moderni. 
 
A grandi linee potrei scriverlo anche oggi un pezzo del genere (ti piacerebbe eh? picio! ahahah!). Forse cambierei leggermente la parte finale in cui si dice che con la morte corporale è morto il mondo occidentale (ti piacerebbe eh? boca daèrta!). Non sono del tutto d'accordo. O meglio sarebbe da specificare di che tipo di morte corporale si tratta (di quale corpo) perché se intendessimo solamente il corpo fisico, dubito fortemente che l'”occidentalismo” se ne possa andare con la semplice morte fisica, in quanto credo che sia “leggermente” più radicato. Dovrebbe morire più di un corpo ma va beh queste sono questioni che al momento non hanno una grande importanza. 
 
Mi concentrerei invece maggiormente sulla frase/fase siamo in campo per giocare. Questo è semplicemente il punto di partenza. Presa coscienza di ciò, tutto il resto è da inventare. 
 
 
 
Mi auguro siate in grado di andare oltre le “parolacce”, le varie scurrilità e le “scorrettezze politiche” (ero giovane e incensurato, nonché pieno di vita) e cogliate il vero messaggio di questa canzone (anche se, sapendo che c'è pure in giro gente che dopo aver ascoltato il mio celebre pezzo denominato La Svizzera pensa che io odi la Svizzera, forse è meglio non sopravvalutare troppo il livello di comprensione di chi ascolta ahahahah! O magari sono io che mi spiego male... o magari è l'ironia che è passata di moda... boh...) che in realtà non è nella canzone ma è dentro ognuno di voi. E non deve piacervi per forza... Non deve proprio niente per forza. Nessuno. Forse qualcosa sì ma non sta a lei/lui pensarci. 
 
Tutto qui. Siamo in campo per giocare. Potete stare anche in panchina se volete. Potete stare anche a casa. Non sarò certamente io ad impedirvelo. Nulla di nulla. Vogliatevi bene se potete e tante buone cose. Alla peggio scannatevi con decoro.
 
Buon ascolto e ci vediamo a Santa Lucia!
(ricordatevi di scrivere la letterina in braille che quella non ci vede un'ostrega)
 
Messer Kamalli
 
gran visir delle Boche daèrte de la Mantelera


giovedì 29 ottobre 2020

DEL NEGAZIONISMO DI SANTA LUCIA E ALTRE STORIE PASSESCHE

Ho due notizie da darvi. Una buona e una cattiva. Anzi due buone o due cattive o una buona e una cattiva o fate voi. Due notizie, semplicemente. Se non altro vere. Potete anche considerarle fake news tanto a me cambia veramente poco o niente.
 
La prima è che l'ormai celeberrimo videoclip di “Morire” (realizzato da Danilo Diprizio) è finalista al concorso “Videoclip Italia Contest
(di e di cui mi ero assolutamente dimenticato e di cui, sinceramente, continua a non fregarmene alcunchè ahahah, forse anche perché non ricordo in cosa consiste l'eventuale premio e magari anche se me ne ricordassi... non è che ho bisogno poi di chissàcosa...). Comunque sia se a qualcuna/o di voi (a differenza del sottoscritto che comunque sia volente nolente ne è “invischiato”) dovesse importare qualcosa, vi avviso che il tutto sarà visibile in una di quelle cose che quest'anno vanno così di moda ovverosia una diretta Facebook (ebbene sì ci sono cascato anch'io ma come si dice in gergo “a mali estremi estremi rimedi” e così sia...) sabato 31 ottobre (a un anno esatto dal mio leggendario concerto svizzero di Locarno) dalle ore 16:30 sulla pagina facebook di VIC-Videoclip Italia Contest e sul canale Youtube di Teleliguria, per maggiori informazioni visita l'evento ufficiale a questo link https://m.facebook.com/events/341255683623382?acontext=%7B%22source%22%3A%223%22%2C%22action_history%22%3A%22null%22%7D&aref=3&ref=page_internal
Non canterò. Non so cosa farò, qualche cosa farò qualche cosa farò sì qualche cosa farò qualche cosa di sicuro io farò... (non ne ho mai abbastanza di copiare Battisti). Se siete curiose/i di sapere cosa mi faranno dire e/o fare seguite la diretta. 
 
A questo punto direi che sono curioso anche io quindi toccherà seguirla pure a me, mio malgrado.
 
Prima notizia, ovvero quella brutta o bella o neutra o quello che volete voi andata.
 
Ora veniamo al nocciolo della questione (quella bella, eccheccazzo... ed ecco parzialmente svelato l'arcano). Prima di annunciarvela però vorrei introdurre un po' l'argomento in grande stile. 
 
Piccola premessa per chi non sapesse che in alcune zone d'Italia (ma anche del Mondo e forse pure dell'Universo e anche oltre), in questo caso alcune province della Lombardia orientale, non c'è Babbo Natale, Befana o Gesù bambino che regga. I regali li porta Santa Lucia il 13 dicembre. O meglio, li porta qualcuno che ha deciso bene di ingannare i bambini spacciandosi per Santa Lucia (dispensatrice di Luce e non esattamente di quelle volgari emanazioni variabili dal carbone più nero alle caramelle più zuccherose, passando per giocattoli più o meno brutti e/o altri “barbai”). Avendo  un'attitudine profondamente "negazionista" fin da piccolo, già ai tempi dell'asilo ero affascinato dalle teorie complottiste di alcuni bambini che sostenevano che quella di Santa Lucia fosse tutta una truffa escogitata (seppur portata avanti perlopiù in buona fede) dagli adulti per rendere i bambini più docili, ubbidienti e facilmente manipolabili. Fu così che all'età di 6 anni decisi di verificare i miei sospetti (un po' anche perché non amavo molto l'idea che a portare i doni ci fosse uno zombi senza occhi con un asinello che cagava in giro per la casa come se non ci fosse un domani) e senza stupore alcuno vidi mia mamma che metteva i regali sul tavolo. Dormii molto meglio del solito. Del resto di fantasmi in ballo ne avevo già fin troppi. Non me ne servivano altri, per giunta farlocchi. Noi ghostbusters non abbiamo tempo da perdere! Comunque sia da buon “negazionista complottista terrapiattista fascista...” non volevo tenermi la scoperta tutta per me. Volevo diffondere la luce della mia scoperta e lo dissi a mio fratello (più giovane, che onore sarebbe stato per lui sapere quella cosa in così tenera età senza nemmeno sbattersi per verificare di persona!). E niente, a volte me lo rinfaccia ancora adesso di avergli rovinato la “magia di Santa Lucia”. Da allora ci sto un pochino più attento. E punto sì alla Magia e a Santa Lucia ma quella vera, mica patatine (o caramelle cri-cri, toblerone e monetine di cioccolato). 
 
Tutto questo preambolo sulle origini della mia natura “negazionista” per dirvi che quest'anno ho deciso di approfittare dell'energia della mia amica Santa Lucia per regalare all'Universo (sempre se “andrà tutto bene” e non mi fanno fuori prima) una nuova composizione musicale con tanto di video nuovo di pacca (attualmente in fase di realizzazione). 
 
Segnatevi dunque il 13 dicembre sul calendario gregoriano classico. Per quanto riguarda altri tipi di calendari, offresi consulenze approfondite sul tema “calendari da officina meccanica”. Chiamare orario pasti al numero in sovraimpressione e chiedere del dottor Kamalli. Astenersi perditempo. 
 
Creerò anche un evento su Facebook (per il video, non per i calendari "diversamente gregoriani") per venire incontro alle vostre capacità mentali (cit.). 
 
E niente, vi avviso che ci sarà da divertirsi. Del resto è tutto scritto. Bisogna solo vedere se si ha voglia di leggerlo. Non dico di iniziare a scrivere, non per ora, sarebbe controproducente. Chi ha orecchie per intendere intenda (cit.). 
 
Passo e chiudo e “bonk de bonanòt”! (cit.). 
 
 
Carlo tre volte Carlo, è il Dottor Kamalikus feat. Santa Lucia. 
 
 
PS (cit. e ricit. come Sergio Citt. e Franco Citt. e Cit. la scimmia di Tarz...) trallallerò trallallà...
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

mercoledì 30 settembre 2020

E COMUNQUE NONOSTANTE TUTTO...LA SVISSERA L'è SEMPRE LA SVISSERA

Buonasera o'popolo e letto (e il divano? E i sanitari? E la cucina?), dopo tutto questo tempo onde evitare incomprensioni ed eventuale ulteriore proliferazione di “fake news” del tipo che sono morto (ovviamente di Covid19, ah perché si muore anche di qualcos'altro?) come se non fosse mai accaduto prima (ahahahahahahahah!) volevo informare invece la più o meno gentile (pensavate che mi fossi dimenticato della questione trogloditismo senza speranza? E Babbo Natale come sta?) clientela che abito tuttavia in questo fichissimo involucro e sono nel bel pieno di una fase creativo-esplosiva i cui effetti più o meno devastanti vedranno presumibilmente la luce nei mesi a venire (se non m'ammazzate prima). 
 
Detto ciò, per quanto riguarda le questioni prettamente artistiche, momentaneamente va bene così, non ho altro da aggiungere. 
 
Spaziando leggermente ma non troppo, vorrei segnalarvi la mia partecipazione di domani sera 01 ottobre 2020, guardacaso Luna piena, al programma Salottino di Mesbet TV (visibile su Twitch.com), ore 19:19. Io comunque vi avviso anticipatamente (per non perdere i preziosissimi “Punti Svizzera” che un giorno mi daranno l'accesso al passaporto elvetico ad honorem) che sarò online a partire dalle ore 20. Così se dovessi arrivare anche un attimo prima diventerei ancora più svizzero. 
 Si parlerà prevalentemente di tarocchi, non tanto da un punto di vista teorico ma bensì pratico, con letture condivise per chi non ha troppo a cuore la propria privacy (e giudicando dai vostri comportamenti sui social anche e soprattutto quelli più narcisisticamente fini a sé stessi, non credo ve ne importi molto, anzi... la paura della solitudine l'è 'na brüta bestia, molto più della solitudine stessa). 
 
Non è detto poi che si devano fare letture necessariamente rivolte ai “cazzi propri”. Potremmo anche spaziare in questioni più planetarie, più austro-ungariche, più tutto ma soprattutto più niente. 
 
L'unico modo per capire di cosa sto farneticando è partecipare all'evento, comodamente anche dal proprio cesso di casa (sia nel caso che vi piaccia essere connesse/i mentre andate allegramente di corpo, sia nel caso che la vostra dimora stia cadendo a pezzi). Ma anche nel caso che non abbiate una casa... basta un telefono e la password del wi-fi del vicino (vicino di cosa scusa se non ho una casa? Vicino di cella va bene per tutti?). 
 
E poi ovviamente a seguire ci sarà l'evento più fico della serata. La Luna piena in sé.
 
Nient'altro.
 
Ma pure se non ci fosse la Luna... 
 
L'evento vero è questo momento che state vivendo, ovunque voi siate e qualunque cosa stiate facendo o meglio ancora non facendo. 
 
Nient'altro. 
 
Così, giusto per gurueggiare un pochino... 
 
Per il resto, momentaneamente va bene così. 
 
Pace e Amen
 
Carlo volgarmente detto mille altre cose (risibili e inrisibili).